Mer Fermée – Imago Mundi di al-Idrisi

Home/Mer Fermée – Imago Mundi di al-Idrisi

Mer Fermée – Imago Mundi di al-Idrisi

250,00 IVA inclusa

2 disponibili

Ettore Favini, Mer fermée, Imago Mundi di al-Idrisi , 2020
Stampa collografica su carta Tiepolo
Edizione limitata
Esemplare 1/3 numerato e firmato dall’artista Ettore Favini
35×50 cm
Ogni esemplare è corredato da una custodia ideata dall’artista
Nella spedizione è incluso in omaggio una copia del libro Au Revoir.

 

L’esemplare fa parte di una serie di 16 stampe in edizione limitata, create da Ettore Favini per Connecting Cultures.

La serie riprende l’opera Mer Fermée, costituita da 16 cianotipie realizzate dallo stesso artista per il progetto Au Revoir, e ora parte delle collezioni permanenti del Museo del Novecento di Milano.

Mer Fermée raffigura le più importanti mappe del Mediterraneo descritte o raffigurate da studiosi, filosofi e cartografi di differenti epoche e civilizzazioni, dal mondo greco alla contemporaneità.

La stampa Imago Mundi di al-Idrisi riprende l’omonima mappa di Muhammed al-Idrīsī (1100-1166 d.C.). Famoso per aver creato le mappe più avanzate del mondo medioevale, Muhammed al-Idrīsī realizzò per Ruggero II la Tabula Rogeriana (1553 d.C.), un manoscritto corredato da mappe del mondo e contenente la descrizione del mondo conosciuto dall’equatore alla latitudine del Mar Baltico, e dall’Atlantico alla Siberia. La particolarità di questa mappa sta nei punti cardinali, infatti il nord e il sud sono invertiti, perciò la carta ci appare rovesciata.

2 disponibili

Categorie: ,

Descrizione

Approfondimenti:
L’esemplare fa parte di una serie di 16 stampe in edizione limitata, create da Ettore Favini a conclusione del progetto Au Revoir.

Au Revoir,  il progetto d’arte partecipata dell’artista Ettore Favini, curato da Connecting Cultures e vincitore del bando Italian Council 2019, ha affrontato il complesso tema dell’identità del Mediterraneo attraverso una delle sue più antiche tradizioni artigianali: la tessitura di un cotone robusto bagnato nell’indaco o nel guado trasportato in tutto il mondo, metafora dimenticata della cultura del Mare di Mezzo, oggi conosciuto come jeans.

Le opere realizzate nel corso del progetto, durante una serie di laboratori partecipati con migranti del Nord-Africa e la comunità egiziana di Milano, sono state esposte da Febbraio a Ottobre 2020 presso il Carré d’Art Contemporain di Nîmes in una mostra curata da Roberta Garieri, per poi entrare a far parte della Collezione Permanente del Museo del Novecento di Milano.

Torna in cima